Il calore è umano Ad ogni lancio ognuno doveva saltare su una gamba sola prendendo il sasso senza perdere l. altro piede o toccare le linee altrimenti doveva ritornare al punto di partenza, vinceva chi arrivava prima a dieci. Il viaggio con i nonni per quest’anno è terminato. Erano tutti e due dei grandi lavoratori e spesso mi dicono che, se voglio avere qualcosa, me la devo guadagnare. Infine, una poesia sui nonni (e con i nonni) di Charles Bukowski. Le bambine ad esempio si divertivano a confezionare bambole di pezza, cucite con le loro mani, si facevano dare delle lenzuola vecchie dalle loro mamme ci disegnavano la sagoma della bambola, la ritagliavano e la cucivano imbottendola con la lana tosata dalle loro pecore, come occhi usavano dei vecchi bottoni, per i capelli altra lana e la bocca era ricamata con il filo rosso. Allora agli occhi chiusi m’arrideain mezzo ai fiori, una gioconda danzadi fantasime splendide e fugaci. Mio nonno Sandro mi ha raccontato che insieme ai maschi del paese facevano battaglie fra gli abitanti dei vari borghi di Maresca tipo Mulino Vecchio contro Case Biondi, Borgo Freddo contro Corniola (case alte) ecc, usando pigne , archi di legno,sassi ,fionde ecc… più o meno tutta roba che si trovava nel bosco ed a volte succedeva che prendevano in ostaggio qualche bambino della squadra avversaria ed a quel punto lo “torturavano” tipo facendogli bere intrugli di acqua e fiori come i piscialletto, che facevano diventare l’acqua gialla e amara, ma sempre senza farsi del male, solo per giocare. I nostri nonni da piccoli giocavano diversamente da noi, ora possediamo ogni gioco che vogliamo, invece loro non avevano niente . Il primo giocatore lancia un sasso ad occhi chiusi e salta sulla casella dove questo è caduto, cercando di indovinare il Paese. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Poesie sui nonni, da Giovanni Pascoli a Charles Bukowski. Mia nonna giocava con sassolini, bastoncini e le dita delle mani; non abbiamo bisogno di tanti giochi per divertirci, basta stare in compagnia e avere fantasia!!! Leggi la vera storia dell'albero di Natale e scopri da dove è nata questa tradizione per giungere ai nostri giorni come lo conosciamo. Questi sono alcuni dei racconti scritti dai ragazzi con l’aiuto dei nonni. Lui si divertiva con gli attrezzi da lavoro del nonno e costruiva carretti, aquiloni ,fischietti e zufoli. Il calore è umano solo quando i nonni ti tengon per mano. In primavera, in estate e in autunno i giochi con il bel tempo venivano svolti nei campi, nei boschi e sui monti. Mentre ci riscaldavamo ho chiesto a mia nonna a che giocava quando era piccola e lei ha iniziato a Si infila le pantofole e cammina ciabattando verso il bagno. La mia nonna Roberta mi racconta con cosa si divertiva da piccola: a giocare a nascondino, a campana e a calcio perché bambole e giocattoli non ne avevano, ma il suo gioco preferito era andare a suonare i campanelli le sere d estate. Andava  nei  campi  e  raccoglieva erba, fiori  e  ci  faceva  da  mangiare. Un altro gioco era quello di arrampicarsi sulle piante. Questo sito utilizza i cookies per migliorare la vostra navigazione. Mi hanno insegnato moltissime cose: ad esempio, mio nonno è un appassionato di geografia e ogni volta che ho bisogno di alcune spiegazioni, me le dà volentieri.Tra le cose più importanti che mi hanno insegnato c'è il rispetto verso chiunque, ma soprattutto verso la propria famiglia e le persone adulte. Secondo il mio babbo i bambini di una volta si divertivano molto di più di quelli di adesso, perché avevano meno giochi ma molto più  educativi, semplici e all’ aria aperta. Bambole! Fra molti anni, ma proprio tanti, diventerò la nonna di Ambra, la bambina che voi conoscete e che ha messo nero su bianco quello che vi racconto. Oggi è una giornata piovosa, e vi voglio raccontare cosa faceva la mia nonna Rosanna quando era piccola. La bambola aveva i capelli di lana e era vestita con un vestitino fatto a maglia.
17 Ottobre Chi E Nato, Locanda Dei Cantù, Carona Menu, L'apocalisse Gnostica Di Pietro, Castello Di Rampazzo, Sant'antonio Da Padova, Via Simone Martini Siena, Pizzeria Masaniello Pilastro Bologna, Pizzeria Pulcinella Trani,